Inter-Juve, torna Marchisio: classe ed eleganza per la Signora. Con un occhio ai precedenti

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

“Una vita da mediano”, cantava Ligabue. “In bianconero”, aggiungerebbe Claudio Marchisio. Torinese doc, juventino doc, dal ’93 a difendere la sua Vecchia Signora. Una sola parentesi lontano dalla Juve, a Empoli, al primo anno in A, giusto per farsi le ossa. Da buon tifoso, il Principino non può che sentire particolarmente il derby d’Italia: l’Inter non è un’avversaria come le altre. Vuoi per i fatti del 2006, vuoi per la storia.

I FANTASTICI TRE – Allegri, non a caso, l’ha preservato in vista del big match. Per la prima volta in stagione, si vedrà il centrocampo titolare: Khedira, Marchisio, Pogba. Sarà il numero otto, con la solita classe ed eleganza, a dettare i tempi. È forse lui, più di altri, l’uomo che è mancato in questa prima parte di stagione. E chissà che, con due uomini d’esperienza al suo fianco, Pogba non possa finalmente risvegliarsi.

QUELLA VOLTA CHE… – Pensare che, nel 2010, si era paventato un possibile passaggio di Marchisio all’Inter. I suoi agenti spingevano per un ritocco dell’ingaggio, i nerazzurri cercavano un centrocampista e, quindi, i primi avevano sfruttato l’occasione per mettere un po’ di pressione alla dirigenza bianconera. La scelta, però, era scontata: impossibile perdere il miglior prodotto del vivaio degli ultimi anni, tanto più lasciandolo ai rivali di sempre.

I PRECEDENTI – Da allora, Marchisio ha dimostrato spesso di avere il piedino caldo contro l’Inter. Nel 2009, era già andato in gol contro la squadra di José Mourinho: fu proprio il Principino, con la sua rete – che portò il risultato sul 2-1 -, a regalare i tre punti ai suoi. La storia si è ripetuta nel 2011, anno del primo scudetto dell’era Conte: a San Siro, la Signora vince per 2-1, grazie alle reti di Vucinic e Marchisio, ancora decisivo.

L’ANTI-INTER – L’ultimo sigillo è storia recente: campionato in tasca, finale di Champions raggiunta, ma la vacanza a Milano si conclude con un’altra vittoria. E Claudio ci mette ancora lo zampino. Un altro 1-2, anche se questa volta è Morata e non Vucinic a siglare l’altra rete. Tre gol in dieci precedenti, non male: che Marchisio voglia migliorare lo score?

Felice Lanzaro (@FeliceLanzaro)