Juan Cuadrado: da occasione di mercato a giocatore indispensabile

Juan Cuadrado: da occasione di mercato a giocatore indispensabile


I campionati europei sono stati interrotti per dare spazio alla Nazionali che si giocano la qualificazione a Euro 2016; tanti sono anche i giocatori convocati dalle nazionali sudamericane per svolgere amichevoli; rientra tra questi Juan Cuadrado, chiamato dalla sua Colombia che giocherà contro il Bahrain giovedì sera.

La ripresa in campionato della Juve porta la firma del colombiano che da quando ha raggiunto il top della forma è stato determinante nell’economia della rosa; prestazioni sempre in crescendo e incisività determinata dal ritorno nel suo ruolo classico: esterno destro in un attacco a 3. Allegri ha dato massima fiducia ad un giocatore che di fatto negli ultimi sei mesi non ha giocato, facendo da comparsa nel Chelsea di Mourinho che lo volle fortemente ma poi lo rilegò in panchina.

L’operazione tra Chelsea e Fiorentina si chiuse nel gennaio scorso per una cifra attorno ai 35 milioni di euro, bonus compresi; il giocatore ha firmato un quadriennale da 2.8 milioni netti a stagione. La Juve, nell’agosto 2015, lo acquista in prestito oneroso senza alcun diritto di riscatto, anche se si parla di una cifra vicina ai 20 milioni di euro. Comunque vada rimane una grande mossa di Marotta che ha preso, a prezzo modico, un giocatore capace di scombinare gli equilibri in A e di dare slancio anche in campo europeo.

L’agente del ragazzo conferma l’ottimo momento di Cuadrado che ormai si è ambientato a Torino togliendosi anche diverse soddisfazioni; la palla adesso passa alle due società che tra un anno dovranno sedersi attorno ad un tavolo e stabilire il futuro del colombiano.

Insomma, Cuadrado è passato da occasione di mercato a giocatore chiave nella stagione bianconera; mica male…

Antonio Capizzi