Khedira, un rientro fondamentale. Ma i tempi sono giusti?

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Una mossa azzardata, ma che potrebbe rivelarsi vincente: Allegri sorprende tutti e lancia subito titolare Sami Khedira, appena rientrato dopo la rottura della fibra muscolare rimediata in estate. Il tedesco, arrivato a parametro zero dal Real Madrid, può essere l’uomo in grado di dare equilibrio al centrocampo bianconero, che è ancora alla ricerca di nuovi punti di riferimento.

UN RIENTRO FONDAMENTALE – Khedira, insieme a Marchisio, si propone per essere un leader emotivo, ancora prima che tecnico. Le sue qualità, però, saranno fondamentali per la Signora: servono uomini in grado di dare copertura a una retroguardia apparsa troppo ballerina. Il numero sei è sicuramente capace di garantire una buona fase difensiva, senza dimenticare la sua grande qualità in fase di costruzione. E siamo certi che il suo rientro, con quello del Principino, potranno dare una grossa mano alla squadra.

POGBA RINGRAZIA – Potrebbe beneficiarne lo stesso Pogba, che non si è dimostrato pronto ad assumere il ruolo di leader, complice la giovane età. Il francese, infatti, non ha convinto in questo inizio di stagione, ma il rientro di due veterani al suo fianco potrebbe aiutarlo a superare questo momento.

RIENTRO AFFRETTATO? – La domanda, però, sorge spontanea: il rientro di Khedira non è un po’ affrettato? “È recuperato e pronto per giocare”, ha detto Allegri, che ovviamente ha avuto rassicurazioni da parte dello staff medico. Forse, però, il caso di Marchisio avrebbe consigliato un approccio più cauto: il Principino, infatti, era rientrato contro il Chievo, ma una ricaduta lo ha costretto di nuovo ai box.

UN OCCHIO AL PASSATO – Khedira era stato fuori per lo stesso infortunio già nel 2011, 2012 e a febbraio di quest’anno – in questi casi era stato fermo dai 16 ai 24 giorni. In particolare, nel 2011, dopo poche partite dal rientro, aveva accusato un altro problema, che lo aveva tenuto fuori altri 40 giorni. Il buonsenso, dunque, consiglierebbe di dosare con cura l’utilizzo dell’ex madridista, che comunque non dovrebbe giocare tutti i 90 minuti contro il Siviglia. La speranza, però, è che il calvario del campione tedesco sia finalmente finito. Per il bene suo e della Juve.

Felice Lanzaro (@FeliceLanzaro)