Lemina: “Siamo giovani, ma responsabili. Allegri non vuole che mi perda, fortuna che ci sono Pogba ed Evra”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

È lui, l’uomo del momento. È lui, la sorpresa più bella di un terribile inizio di stagione. È lui, Mario Lemina: il nuovo leader del centrocampo, l’ultima scommessa di Fabio Paratici. E a giudicare dalla sua prestazione con il Frosinone, un azzardo che inizia a ripagare.
JTv l’ha intervistato a Filo Diretto, qui le sue dichiarazioni.

RESPONSABILITA’ – “Sappiamo di aver perso molti punti. È vero, ci sono molti giocatori giovani, ma dobbiamo maturare e evitare di prendere gol all’ultimo minuto. Ognuno deve farsi carico delle proprie responsabilità. Io cercherò di essere sempre più pronto, di rendere più fluido il gioco della squadra, di mettere a disposizione la mia fisicità, soprattutto a livello difensivo, per recuperare più palloni possibile e fermare gli attaccanti avversari”.

COLONIA FRANCESE – “Pogba e Evra? Sono molto importanti per me, perché mi aiutano a integrarmi. Sono in tanti a darmi consigli, anche se può essere complicato comprendersi per via della lingua. Paul e Patrice traducono ciò che viene detto, Evra in particolare mi aiuta molto in campo e tutto questo è molto utile per il mio ambientamento”.

CON ALLEGRI – “Il mister mi chiede di integrarmi velocemente nel gruppo, perché gioco in ruolo importante, davanti alla difesa, e di essere sempre attento e concentrato. Mi parla molto, perché non vuole che mi “perda” in una squadra così grande”.

SENSAZIONI – “Quest’estate, dopo averla affrontata in amichevole, non avrei mai immaginato di essere qui oggi e ora spero di rimanere a lungo. Quando sono arrivato sono rimasto impressionato: questa è la società più importante d’Italia e ci sono grandi campioni che hanno già vinto molti trofei. Il mio obiettivo è lavorare sodo e cercare di raggiungere traguardi importanti con questa squadra”