Donadoni: “La Juve è tornata. Che acquisto Cuadrado!”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Il Parma ha iniziato la sua rincorsa al posto che gli compete, ma l’ha fatto senza Roberto Donadoni, che ora si trova senza squadra e, di conseguenza, con diverso tempo libero a disposizione. Tempo che gli permette di osservare con attenzione  il nostro calcio e dire la sua, come ha fatto dalle pagine di Tuttosport. Parlare di calcio italiano, ovviamente, significa soprattutto parlare di Juve.

IL RITORNO DELLA SIGNORA“Dopo l’impresa di Manchester tutti tornano ad esaltare la Juventus? Partita perfetta – ha sentenziato il tecnico -. Anche perchè all’estero ti lasciano giocare e certi valori vengono fuori. In Italia si pensa solo a non prenderle? Soprattutto a non far giocare gli avversari. Ecco perchè i bianconeri hanno incontrato delle difficoltà. Juve solida, tosta, pratica. La mentalità giusta per fare parecchia strada”.

CHE MERCATO – Con un Cuadrado in più? “Grande acquisto. E’ uno dei pochi giocatori che nell’uno contro uno salta l’avversario con grande facilità Giocatori così fanno la differenza, soprattutto se tornano anche a difendere. La vecchia guardia, solida, granitica, sempre prodiga di consigli verso i nuovi. Un punto di forza che non viene mai a mancare. Senza Pirlo, Tevez e Vidal non è è più la stessa cosa, non trova? Stiamo parlando di fuoriclasse. Ma la Juve secondo me ha fatto bene a rivoluzionare tutto. Bisogna farlo quando si vince. E poi sono arrivati elementi di spessore. Davanti con Morata e Dybala, per esempio, è garantito presente e futuro”.

GENOA E RIVALI – Genoa-Juve cosa le viene in mente? “Che se i campioni d’Italia vincono tornano prepotenti come prima anche in Italia. A livello psicologico la considero una partita importante. Se la concorrenza pensa che i bianconeri non siano protagonisti commettono un grave errore. Per l’Inter l’anno buono per lo scudetto? Calma. Presto per fare previsioni. Di sicuro i nerazzurri faranno meglio della passata stagione ma aspettiamo ancora qualche giornata prima di dire se sono da scudetto. La Roma? I giallorossi assieme al Torino sono le squadre che in questa stagione stanno giocando meglio. La formazione di Garcia è altamente competitiva. Dicono che Pirlo debba smettere? Lui è grandissimo, intelligente e saprà quando sarà arrivato il momento”.