ESCLUSIVA SJ – Mario Fargetta: “Ho fiducia nella nuova squadra, credo che i risultati arriveranno”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Se non avesse fatto il DJ, probabilmente oggi avrebbe un ruolo nel mondo del calcio. Già, perché Mario Fargetta, prima di intraprendere la strada che l’ha portato ad essere una delle personalità di maggiore spicco del mondo radiofonico e discografico italiano, di mestiere faceva il centravanti. Di pari passo con quella per il mondo della musica e delle radio, Get Far ha sempre avuto un’altra grande passione: quella per la Juventus. Ed è per tutti questi motivi che noi di SpazioJ abbiamo deciso di contattarlo in esclusiva, analizzando le vicende legate al mondo bianconero e alla “Get Over Records”, la casa discografica fondata e gestita da Mario.

– Qualche anno fa, hai deciso di fondare la “Get Over Records”, compiendo un passo simile a quello fatto da altri artisti italiani, come Pino Daniele e J-Ax, ma anche da tantissimi DJ internazionali. Quali sono i principali vantaggi di gestire in autonomia la propria produzione?

Il vantaggio è quello di avere il controllo di quello che accade, e di aver creato una struttura tutta tua.

– Da produttore discografico, cosa ne pensi del momento che sta attraversando il settore musicale e radiofonico in Italia?

E’ sicuramente un momento difficile perché la concorrenza è tanta dovuta anche dalla proposta che c’è con le web radio.

– Durante l’ultima sessione di mercato, la Juventus ha ceduto i suoi pezzi pregiati tra centrocampo e attacco, dando vita ad un vero e proprio ricambio generazionale. Nel complesso come giudichi le operazioni di mercato della Juventus?

Credo che la Juventus abbia l’esperienza di una grande squadra che sa quando arriva il momento che bisogna cambiare.

– Dopo quattro anni ad altissimi livelli, costellati da grandi soddisfazioni, credi che questo possa rappresentare un anno di transizione per i “nuovi” oppure ti aspetti una sorta di conferma dei risultati ottenuti lo scorso anno?

E’ sempre più dura riuscire a vincere lo scudetto, ma credo che la Juve se lo possa giocare fino alla fine. Ho fiducia nella nuova squadra e credo che i risultati arriveranno.

– Con gli acquisti effettuati dalla dirigenza, soprattutto negli ultimi giorni di mercato, quindi mi riferisco in particolare a Cuadrado, Alex Sandro ed Hernanes, se Mario Fargetta fosse il mister della Juventus, come manderebbe in campo i suoi uomini?

Con il 4-3-3

– Prima di approdare a Radio DeeJay, sei stato per cinque stagioni il capocannoniere dell’A.C. Besana. Che rapporti hai mantenuto con il mondo del calcio? Ti piacerebbe, un giorno, farci ritorno, magari dedicandoti ad un progetto che veda i giovani come protagonisti?

Rapporti buonissimi con tutti ed ogni tanto qualche partita di beneficenza la faccio, segnando il mio gollettino.
Farei volentieri un esperienza di un progetto per i giovani, ma il problema è il tempo che mi vede ancora troppo impegnato con le mie produzioni.

A Mario va un sentito ringraziamento da parte di tutta la redazione di SpazioJ.

Intervista realizzata da Corrado Parlati e Gennaro Bianco