ManCity, Selhurst Park quasi indigesto: col Crystal Palace decide Iheanacho all’ultimo respiro. E Aguero…

Prima domanda: c’è davvero da preoccuparsi di questo Manchester City? Prima risposta: sì, ma lo si dovrebbe essere a prescindere. A prescindere, ad esempio, dalle assenze di David Silva e (la sempre più probabile) di Sergio Aguero. I Citizens non sono soltanto nell’estro dei suoi fantasisti. E Pellegrini l’ha reso chiaro più di una volta.
A Selhurst Park, Crystal Palace e Manchester si sfidano per la vetta della classifica. Sì, avete capito bene: perché, al prevedibile primo posto del City, segue la favola di Pardew. Uno scontro al vertice, quindi: che termina con un crescendo di emozioni impressionante. E con un Iheanacho mattatore assoluto.

INIZIO A RILENTO – Tanta intensità, poca concretezza: in quattro termini il match è bello che descritto. In quanto il centrocampo dei light blues tiene botta, ma non crea. E dall’altra parte c’è il solo Puncheon a dar fastidio ad Hart. Insomma: si fatica nelle costruzioni. E c’è pure tanto traffico sui lati: lì dove ad esempio Kolarov è più impegnato in copertura, vista la prestazione ballerina di Mangala. Davanti, finché c’è Aguero c’è speranza. Ecco: peccato che il Kun duri appena tredici minuti. Il tempo di permettere a Dann di sfoderargli un’entrataccia d’altri tempi. L’argentino cerca di rialzarsi, gioca anche dieci minuti: poi chiede il cambio. Il ginocchio ha detto ‘stop’.

IL RAGAZZINO – Bony non punge, Touré sembra in vacanza. Sulla trequarti ci sarebbe anche il debutto di Kevin De Bruyne, ma il belga assomiglia al gemello più costoso del ragazzino che giocava al Chelsea. E allora, dopo una ripresa d’alti e bassi, ci pensa un altro ragazzino: Iheanacho. Un classe ’96, nigeriano di spirito e di fatto. E con una tenacia assurda: basta ammirare la potenza con cui scaglia quel tap-in e regala altri tre punti ai suoi. Altro che i milioni, altro che chiacchiere: oggi è il giorno di Iheanacho.

Cristiano Corbo

Siamo su Google News: tutte le news sulla Juventus CLICCA QUI

Preferenze privacy