Tacchinardi: “L’Italia deve prendere esempio dal Belgio. Non abbiamo più i vari Del Piero, Totti, Inzaghi…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Alessio Tacchinardi, ex centrocampista bianconero, ora opinionista di spicco dei canali Mediaset, ha analizzato ai microfoni di Calciomercato.it i problemi che la Nazionale e il calcio italiano si portano addosso da tanti anni. Queste le sue parole.

USATO “SICURO” -“La nostra Nazionale sta pagando un po’ l’ondata di calciatori stranieri che sono arrivati e giocano in serie A. Nel calcio italiano ci sono grosse pressioni, gli allenatori preferiscono giocatori pronti rispetto a giovani prodotti dei nostri vivai da far crescere e maturare. Siamo schiavi di questa situazione. Non abbiamo più i vari Totti, Del Piero, Inzaghi, Vieri e tutti gli altri “.

CONTE -“Il Ct  sta lavorando bene, è un allenatore super e l’Italia è una buona squadra. Sono d’accordo anche sul fatto che non esistono più partite facili, ma dobbiamo cambiare mentalità”.

MODELLO BELGIO -“ Manca un ricambio generazionale, è un momento non buono da questo punto di vista. Dobbiamo prendere esempio dal Belgio, una nazione che ha lavorato molto sul settore giovanile e adesso si ritrova una squadra giovane e di grande qualità”.

UOMO SIMBOLO -“ Darmian sia il simbolo di questa Nazionale, giocatore di grande corsa, cuore e sacrificio. L’Italia è una squadra che gioca con grinta, esprime anche un buon gioco ma siamo carenti a livello di fantasia”.