Ricorso respinto: Curva Sud chiusa contro il Chievo. La Juventus paga per colpe non sue

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

“Il Collegio di Garanzia dello Sport, al termine della sessione di udienza a Sezioni Unite tenutasi oggi, ha respinto il ricorso della società Juventus F.C. contro FIGC per la decisione della CFA recante obbligo di disputare prima gara stagione 2015-2016 col settore “Tribuna Sud” dello Juventus Stadium a porte chiuse ed ha disposto la liquidazione delle spese del giudizio, poste a carico della soccombente e quantificate in euro 2.000, a favore della resistente FIGC”.

Questo è quanto si legge sul sito ufficiale del CONI: il ricorso della Juventus, quindi, è stato respinto, la “Curva Sud” dello Juventus Stadium resterà a porte chiuse per la gara di campionato contro il Chievo. La Giustizia Sportiva italiana palesa ancora una volta enormi pecche: la Juventus paga per un episodio avvenuto in un impianto non di sua proprietà e la cui gestione e sicurezza sono affidate ad un’altra società, il Torino. Ricordiamo che il colpevole, sottoposto a Daspo, non sarebbe mai dovuto entrare nell’Olimpico, se all’ingresso dello stadio ci fossero stati controlli adeguati.