Juventus, addio a sorpresa: il Milan ci prova

Un affare a sorpresa potrebbe materializzarsi durante l’estate. Il calciatore potrebbe lasciare la Juventus per trasferirsi al Milan.

La stagione della Juventus può vivere ancora raggiungere buoni livelli. Dopo l’annata di transizione trascorsa nel 2022/2023, i bianconeri devono blindare la qualificazione alla prossima Champions League. Sul calendario, inoltre, spicca la data del 15 maggio. A Roma la Signora si gioca un trofeo a tre anni dall’ultima coppa vinta agli ordini di Pirlo. Anche allora si trattava di Coppa Italia e il caso vuole che anche in quell’occasione era l’Atalanta la sfidante nella finalissima.

Il club si augura di finire in crescendo una stagione di alti e bassi, per poi concentrarsi sul mercato e alzare l’asticella. I bianconeri puntano a tagliare alcuni rami secchi e a ringiovanire la rosa con alcuni innesti prestigiosi, come ad esempio Calafiori, e aggiungere al centrocampo che talento che manca. Stoffa che possiede senza ombra di dubbio Teun Koopmeiners, grande obiettivo della dirigenza.

Per rilanciarsi nel panorama europeo anche sul mercato dopo un’estate priva di particolari colpi, la Juventus dovrà prima di tutto sfoltire l’organico e incassare. Al momento tra i sicuri partenti si piazzano MilikPaul Pogba Alex Sandro, ma un altro difensore potrebbe lasciare Torino.

Juventus, il centrale in bilico tra permanenza e addio: il Milan alla finestra

In base a quanto sottolineato da “Il Corriere dello Sport”, tra i calciatori in bilico tra separazione e permanenza c’è Daniele Rugani. Il centrale non è certo di rimanere e il Milan potrebbe farsi sotto per rinforzare il reparto arretrato. Non è altresì da escludere che l’ex Empoli venga confermato da Madama. Il suo contratto è in scadenza a giugno e non ci sono novità sul rinnovo, sebbene nelle ultime settimane il prolungamento sembrava più vicino a fronte della stagione “affidabile”.

Rugani in bilico tra addio e permanenza
Il Milan punta Rugani (LaPresse) – spazioj.it

Il quotidiano capitolino sottolinea però che uno dei punti all’ordine del giorno di Giuntoli e soci sarà il contenimento dei costi, arrivando a ridurre di 30-35 milioni il monte ingaggi attuale. Lo stipendio di Rugani pesa a bilancio 3,5 milioni, pari a quello di Arek Milik. A breve la dirigenza sceglierà se premiare il centrale o scegliere la via della riduzione.

Dal canto suo, il Milan monitora eventuali sviluppi. I rossoneri sono alla ricerca di difensori per rinsaldare un reparto che quest’anno si è mostrato troppo fragile. L’addio di Simon Kjaer potrebbe così coincidere con l’ingresso in squadra di Rugani, che tuttavia ha espresso più volte la volontà di rimanere sotto la Mole. Ora la palla passa ai piani alti juventini.

Impostazioni privacy