Marchisio contesta Allegri: c’entra un giocatore della Juve

L’ex centrocampista della Juventus ha contestato le scelte del tecnico bianconero, in particolare sulla posizione di un giocatore della rosa.

Dopo la pausa Nazionali, la Juventus di Massimiliano Allegri tornerà in campo per la 30° giornata di Serie A sabato 30 marzo, alle ore 18:00, contro la Lazio del neo allenatore Tudor. La Vecchia Signora, attualmente terza in classifica, deve risollevarsi da un periodo negativo, in cui ha totalizzato solamente 7 punti in 8 partite, perdendo di fatto il primato in classifica e allontanandosi notevolmente dall’Inter capolista.

Nonostante il solo impegno settimanale, la Juventus si è rivelata essere fragile in più reparti e, se in un momento poteva essere la diretta rivale alla vittoria dello Scudetto con l’Inter, da inizio 2024 queste aspettative si sono totalmente cancellate, con i bianconeri che ora devono prestare attenzione a questo finale di stagione e mantenere il margine di distacco dal Bologna, dietro solamente cinque punti.

Marchisio analizza la posizione in campo di Locatelli: l’attacco ad Allegri

Nella giornata odierna, ai microfoni del programma Assist su Radio Serie A con RDS, è intervenuto Claudio Marchisio, ex centrocampista bianconero e della Nazionale italiana. L’ex numero 8 della Vecchia Signora ha analizzato il momento della Juventus, toccando in particolare il tema legato alla posizione in campo di Manuel Locatelli. Secondo Marchisio, infatti, l’ex Sassuolo non viene sfruttato al meglio da Allegri. Queste le sue parole:

Locatelli è un giocatore che è stato messo davanti alla difesa per fare il play, nonostante fosse stato preso per ricoprire il ruolo di centrocampista centrale. Pian piano si è spostato in avanti ed è un ottimo filtro e copre tanti palloni. Non avendo situazioni di gioco che lo aiutino nell’impostazione, è finito un po’ nell’ombra. È chiaro che se passi 70’ minuti a coprire il pallone, quando ce l‘hai tra i piedi per giocarlo, sei meno lucido.

Marchisio, le parole su Locatelli
Locatelli LaPresse spazioj.it

L’ex centrocampista bianconero ha poi proseguito analizzando le qualità di Soulè e Huijsen, due giovani di proprietà della Juventus in prestito rispettivamente al Frosinone e alla Roma, che nel futuro possono rivelarsi due pedine importanti per la formazione bianconera. I due stanno facendo molto bene con i rispettivi club, in particolare l’attaccante argentino, che è arrivato in doppia cifra a livello di gol. Il suo commento:

Mi auguro che Soulé e Huijsen possano avere una vera possibilità alla Juventus. Il prossimo anno se si dovesse tornare a giocare la Champions League, servono giocatori di grande talento e giovani, futuri campioni, come loro. Serve strutturarsi per presentarsi nel migliore dei modi per il campionato e per l’Europa.

Impostazioni privacy