Locatelli alla Juventus, il giudizio è shock: “Errore clamoroso”

Manuel Locatelli non passa inosservato in campo. Il giudizio dell’opinionista sul centrocampista è estremamente negativo.

La Juventus sta attraversando un momentaccio. Momentaccio che ormai dura da sette partite, dopo che tutto era iniziato con il pareggio interno contro l’Empoli. Fino a quella sera non era mai stata una super Juve, ma i risultati arrivavano con costanza. Ora invece la solidità difensiva di Madama si è sciolta, lasciando spazio alle scorribande dei reparti offensivi della Serie A. Inoltre, anche quando la Vecchia Signora crea tanto, non riesce a concretizzare ciò che potrebbe regalarle i tre punti. Così il Milan ha operato l’operazione sorpasso, raccogliendo l’eredità del secondo posto.

È chiaro che le responsabilità di questa difficile seconda parte di stagione siano da dividere all’interno del gruppo e dello staff tecnico. Da un lato i tifosi bianconeri chiedono la testa di Allegri e ripetizione, mentre dall’altro il tasso tecnico della squadra si è riscoperto inferiore alle aspettative. Per lo meno questo è quello che dice il campo, sia in panchina che sul terreno di gioco. Inoltre Riccardo Trevisani ha aperto un’analisi in cui fa coincidere le due cose, guardando in particolare a Manuel Locatelli. Infatti l’opinionista ha definito l’acquisto dell’ex Sassuolo un “errore clamoroso” sulle frequenze di Pressing, spartendo le colpe tra gli attori protagonisti.

Locatelli, la critica di Trevisani

Non è un segreto che la Juventus degli ultimi anni e Riccardo Trevisani non si amino, soprattutto nell’Allegri bis. Inoltre l’opinionista e telecronista Mediaset ha rilanciato le sue critiche parlando dell’acquisto e del rendimento di Manuel Locatelli. Trevisani ha detto: “Qualcuno ha scelto Locatelli per 38 milioni di euro. È stata una decisione presa dalla dirigenza e dall’allenatore che si è rivelata un errore clamoroso. All’epoca valeva 38 milioni ed ora ne vale 20”. Tralasciando la discussione sul valore di mercato, che lascia il tempo che trova, è chiaro che il centrocampista Azzurro stia vivendo un periodo di involuzione.

Trevisani ed il giudizio su Locatelli
Locatelli, il pensiero di Trevisani (LaPresse) – SpazioJ

Involuzione dettata anche dalla posizione in cui gioca, soprattutto perché gode di altre qualità. In particolare si nota come Locatelli faccia delle buone prestazioni, come con il Napoli, e subito dopo altre decisamente negative, come con l’Atalanta. Quindi deduciamo che il centrocampista, come del resto la squadra, non è sicura mentalmente. Tant’è che Trevisani ha chiuso così: “Dall’altra parte Koopmeiners è valutato 50 milioni. Sai chi è il responsabile: l’allenatore”. Alla fine si torna sempre al fulcro di tutta la diatriba: Allegri in o Allegri out. È chiaro che il secondo capitolo livornese non abbia portato i suoi frutti a Torino: la Juve lo sa e a fine stagione comunicherà le proprie decisioni.

Locatelli: bloccato o involuzione?

Il discorso del valore di mercato lascia sempre il tempo che trova. È chiaro che il valore di un giocatore ed il prezzo a cui viene acquistato siano due cose completamente diverse. Però nel caso di Locatelli si nota come sia meno decisivo rispetto ai tempi del Sassuolo o a quelli di Euro 2020. Quindi la domanda sorge spontanea: perché? Le opzioni più razionali sono due: la posizione in campo ed i principi di gioco. È chiaro che fare la diga davanti alla difesa non ti permette di incidere in zona gol, però il problema sembra essere un altro. Infatti è la continuità di prestazione che manca, positiva in fase difensiva o negativa che sia. Il ché ci porta da un’altra parte: questa Juve non sa dove sbattere la testa.

Impostazioni privacy