Polemiche Juventus, a DAZN sono sicuri: “Nessun rigore”

È caos in casa Juventus. La squadra di mister Massimiliano Allegri recrimina un calcio di rigore contro l’Udinese. 

La Juventus di mister Massimiliano Allegri non sa più vincere. Dopo il pari interno contro l’Empoli e il ko nello scontro Scudetto in casa dell’Inter, la squadra bianconera è rimasta ancora a secco di vittorie, andando al tappeto nell’impegno casalingo contro l’Udinese di Cioffi. Una sconfitta, la seconda consecutiva, pesantissima per la compagine di Torino. La squadra bianconera è crollata in casa per 1-0, frutto del gol di Lautaro Giannetti. Con la tegola incassata dalla squadra friulana, che non vinceva all’Allianz Stadium dal 2015, adesso la Juventus di Allegri si vede lontano di sette lunghezze dalla vetta capolista Inter.

L’Udinese di Cioffi ha guastato una serata speciale per mister Massimiliano Allegri. Il tecnico bianconero, con la gara di oggi, ha eguagliato Marcello Lippi (405) al secondo posto tra gli allenatori con più panchine nella storia della Juventus in tutte le competizioni dal 1929/30. In testa a questa particolare graduatoria c’è Giovanni Trapattoni (596).

Ora, è calato il gelo all’interno dell’ambiente bianconero. La corsa Scudetto potrebbe presto giungere ai titoli di coda, considerando che l’Inter di Simone Inzaghi ha ancora una gara da giocatore. Nel caso in cui i nerazzurri riuscissero a strappare una vittoria nel recupero contro l’Atalanta, si porterebbero addirittura a +10 dalla Juventus, legittimando il primo posto. La sconfitta non va giù ai bianconeri, anche perché nel corso della gara c’è stato un episodio dubbio che avrebbe potuto cambiare le sorti della sfida. La società bianconera recrimina un calcio di rigore per doppio fallo di mano, non assegnato dall’arbitro Rosario Abisso, designato per la sfida. 

Marelli non ha dubbi sull’episodio in Juventus-Udinese

L’episodio controverso finito sotto la lente di ingrandimento della classe arbitrale designata per Juventus-Udinese riguarda la conclusione di Arek Milik, avvenuta nel corso della ripresa. La società di Torino recrimina un calcio di rigore, non dato da Rosario Abisso.

La Juventus chiede un calcio di rigore
Marelli fa chiarezza sull’episodio di Milik – (LaPresse) SpazioJ.it

L’azione ha visto un doppio tocco di braccio sul tiro dell’attaccante della Juventus. Nel tentativo di battere a rete di Arek Milik, c’è stato un tocco di mano prima di Nehuen Perez e poi dall’autore del gol vittoria dei friulani Lautaro Giannetti.

L’episodio controverso, che ha fatto infuriare la Juventus, è stato prontamente analizzato da Luca Marelli ai microfoni di Dazn. L’ex arbitro non ha avuto dubbio nel giudicare l’azione: “L’azione è chiara: cross di Rabiot, tentativo di tiro di Milik, e due giocatori dell’Udinese toccano il pallone con il braccio, ma non c’è calcio di rigore perché il braccio di entrambi è in appoggio e non c’è nessun caso in cui si debba assegnare il penalty. Giusta la decisione”.

Impostazioni privacy