Delusione incredibile per la Supercoppa in Arabia Saudita: c’entra la Juventus

Continua a far discutere la Supercoppa Italiana e la scelta di giocare in Arabia Saudita. Ora però a far polemica è anche la Juventus.

Si è ufficialmente aperta in queste ore la nuova edizione della Supercoppa Italiana in Arabia Saudita. Da quest’anno anche la Lega Serie A ha abbracciato il format adottato già da qualche anno in Spagna e oltre alla consueta finalissima, ci saranno anche due semifinali. Questa scelta è stata senza dubbio molta discussa e appare abbastanza evidente che la Lega si sia piegata ai soldi arabi, decidendo di stravolgere il format garantendosi così entrate molto più alte.

Se le molte ore di volo e le partite in più non possano di certo far felici i tecnici, al tempo stesso queste entrate extra fanno sorridere e non poco le casse societarie. Se quindi Inter, Napoli, Lazio e Fiorentina gongolano, si mangiano invece le mani tutti gli altri club che saranno costretti a guardare da casa la coppa e soprattutto non potranno incassare cifre tutt’altro che irrilevanti. A questo gruppo appartiene di certo la Juventus che avrebbe senza dubbio voluto partecipare alla manifestazione.

In questi giorni inoltre i Bianconeri sono stati motivo di discussione proprio in Arabia e stavolta a lamentarsi non sono stati i tifosi italiani, ma quelli locali. A poche ore dalla gara d’apertura tra Napoli e Fiorentina, molti giornalisti arabi si sono infatti lamentati della mancata presenza della Vecchia Signora.

Supercoppa Italiana, ancora polemiche: le assenza di Juventus e Milan non vanno giù

Secondo quanto riportato da “Repubblica“, tra i temi che stanno facendo più discutere (in questo caso gli arabi) c’è anche la mancata partecipazione di Juventus e Milan. In Arabia Saudita molti addetti ai lavori si sarebbero infatti chiesti come mai due club storici come i Bianconeri e i Rossoneri non siano presenti ad un evento del genere.

Supercoppa Italiana, delusione a causa della Juventus
Juventus, l’assenza alla Supercoppa fa discutere (LaPresse) – spazioj.it

Difatti il metodo di qualificazione al trofeo ha chiuso le porte in faccia sia ai ragazzi di Max Allegri sia a quelli di Stefano Pioli. Entrambi i club non sono infatti riusciti né a qualificarsi alla finale della scorsa edizione della Coppa Italia e né a chiudere l’ultimo campionato nelle prime due posizioni. Ad essere premiate, oltre a Napoli e Inter, sono state quindi la Fiorentina di Vincenzo Italiano e la Lazio di Maurizio Sarri che però non godono dello stesso appeal dei principali club italiani e questo non ha sicuramente fatto piacere in Medio Oriente.

Impostazioni privacy