Rivelazione clamorosa dell’ex capo scout Juve: “Bellingham era cosa fatta!”

Uno dei migliori talenti al mondo come il giovane centrocampista del Real fu davvero ad un passo dalla Juve solo quattro anni fa.

La Juventus è una società da sempre molto attenta alla crescita dei giovani e pronta alla ricerca dei migliori talenti in giro per il mondo. Lo testimoniano la presenza tra le fila del club dei cartellini di giovani molto talentuosi come Iling Junior, Soulé o Yildiz. Ma c’è un nome ancora più grosso che sarebbe potuto diventare un vero colpo per la società bianconera come svelato in prima persona dall’ex capo scout.

Bellingham preferì restare al Birmingham e così sfumo la pista Juve

Matteo Tognozzi, ex capo scout della Juventus, oggi è diventato il DS del Granada e ha concesso un’intervista ai microfoni di Tuttosport. Nel corso di questo intervento ha svelato alcuni retroscena molto interessanti, primo fra tutti senza dubbio quello legato a Jude Bellingham.

Il centrocampista inglese nel 2019 (quando aveva appena 16 anni) fu ad un passo dalla Vecchia Signora che lo aveva notato e aveva provato a portarlo a Torino. Alla fine però fu lo stesso calciatore a preferire di restare ancora un po’ al Birmingham prima di lasciare il suo Paese.

Rivelazione clamorosa dell'ex capo scout Juve: "Bellingham era cosa fatta!"
Svelato il clamoroso retroscena che riguarda Bellingham: nel 2019 fu vicino alla Juve (LaPresse – SpazioJ)

Per tale motivo il super colpo della Juve sfumò e poi il resto è storia conosciuta. Bellingham si traferì in seguito al Borussia Dortmund dove è diventato in fretta uno dei migliori centrocampisti al mondo e la scorsa estate il Real Madrid se lo è aggiudicato per oltre 100 milioni di euro e oggi rappresenta un punto fermo dei Blancos e della Nazionale inglese.

Impostazioni privacy