Manovra stipendi, Agnelli non ci sta: la mossa dell’ex presidente della Juve

L’ex presidente della Juventus, Andrea Agnelli, non accetta la squalifica impostagli dalla Corte d’Appello FIGC e si muove così.

Nelle ultime ore c’è da registrarsi un nuovo fatto nella vicenda che riguarda le penalizzazioni inflitte alla Juventus la passata stagione. Si tratta della cosiddetta “Manovra Stipendi” che ha visto il club bianconero coinvolto in prima persona soprattutto nella figura del suo ex presidente Andrea Agnelli.

Agnelli fa ricorso al Collegio di Garanzia del CONI per la sua squalifica

Il CONI ha pubblicato quest’oggi una nota nella quale rende pubblico il fatto che Andrea Agnelli ha fatto ricorso presso il Collegio di Garanzia dello Sport contro la sentenza della Corte d’Appello FIGC. In questa sentenza il vecchio numero uno bianconero era stato inibito per dieci mesi e costretto a pagare una multa da 40 mila euro.

Manovra stipendi, Agnelli non ci sta: la mossa dell’ex presidente della Juve
Nuovo ricorso di Andrea Agnelli al Collegio di Garanzia del CONI (LaPresse – SpazioJ)

Nelle prossime settimane il Collegio di Garanzia del CONI dovrà quindi esporsi riguardo questo ricorso. Agnelli sembra quindi intenzionato ad andare avanti con la sua battaglia dopo il caso esploso per la “Manovra Stipendi”. I tifosi juventini rimangono alla finestra in attesa di scoprire come si evolverà la questione.