Scambio Vlahovic-Lukaku: il dettaglio che cambia tutto

Ormai le voci inerenti allo scambio Vlahovic-Lukaku sono sempre più insistenti. Un top player del Chelsea sarà lontano dai campi a lungo, e questo potrebbe accelerare il trasferimento dei due attaccanti.

Il mercato della Juventus continua ad essere bloccato, con Giuntoli che sta trovando difficoltà a piazzare i vari esuberi. Difatti i bianconeri in uscita hanno poco mercato, e ciò rende difficoltosa la loro cessione. Nonostante ciò il Responsabile dell’Area Sportiva della Juventus continui a lavorare sulle uscite, che potrebbero sbloccare il mercato in entrata.

Intanto arriva una notizia importante che potrebbe dare una netta accelerata allo scambio Vlahovic-Lukaku tra Juventus e Chelsea.

Nkunku out 4 mesi: adesso il Chelsea potrebbe accelerare lo scambio Vlahovic-Lukaku

In giornata è arrivato il responso degli esami a cui si è sottoposto Nkunku, e per il Chelsea non sono arrivate buone notizie. Difatti l’attaccante francese dovrà restare ai box circa 16 settimane, dunque 4 mesi di stop e ciò potrebbe cambiare lo scenario inerente allo scambio Vlahovic-Lukaku.

Lukaku-Vlahovic tutto può cambiare
Scambio Vlahovic-Lukaku tutto da rifare – ANSA – Spazioj.it

L’infortunio al menisco rimediato da Nkunku nel corso dell’amichevole dei Blues contro il Borussia Dortmund si è rivelato più grave del previsto. Questo infortunio adesso porterà per forza di cose a fare delle scelte nette in casa Chelsea. Difatti adesso i Blues hanno necessità di inserire nell’organico un’attaccante, e dunque potrebbero accontentare la richiesta della Juventus, ovvero 40 milioni più il cartellino di Romelu Lukaku.

Ovviamente il Chelsea potrebbe anche valutare di puntare sul belga – che già conosce la Premier League – anche se le possibilità sono minime, quasi pari allo zero. Dunque i prossimi giorni potrebbero essere quelli decisivi per capire che ne sarà della telenovela dell’estate, ossia lo scambio Vlahovic-Lukaku, e dove giocheranno i due attaccanti questa stagione.

Impostazioni privacy