Giuntoli-Juve, De Laurentiis complica l’operazione: “È indispettito”

Si chiude il sipario sul campionato 2022-23 per la Juventus che, ancora una volta, nel secondo anno di Allegri, chiude la stagione con zero titoli. Penalizzazioni, gioco che non c’è mai stato, disaffezionamento dei tifosi verso la squadra, Allianz Stadium mai gremito, insomma, un’annata completamente da dimenticare.

Calvo e la nuova dirigenza sono pronti a voltare pagina e a dar vita ad una vera e propria rivoluzione, simile a quella accaduta ormai 17 anni fa all’epoca di Calciopoli. Il primo nodo da sciogliere è la questione allenatore, con Allegri che, nonostante sia forte del suo contratto fino al 2025 da 9 milioni di euro netti a stagione, è tutt’altro che saldo sulla panchina, e le parole di ieri al termine di Udinese-Juventus confermano la situazione.

L’altra questione da risolvere è che sembrava ormai in procinto dell’ufficialità è la questione direttore sportivo, con Giuntoli dato come nome in pole position da tutti i giornali e da tutti i media locali e nazionali.

Si complica la pista Giuntoli per la Juventus? Le parole del giornalista

Tuttavia, proprio pochi minuti fa, a mettere un pò di apprensione tra le fila bianconere ci ha pensato un noto giornalista napoletano, Carlo Alvino che, tramite un tweet, ha spiegato la situazione Giuntoli-Napoli.

Queste le parole: “Scambiando quattro chiacchiere con Adl ho il convincimento che Cristiano Giuntoli difficilmente sarà liberato dal Napoli. La sua situazione contrattuale è nota. (È legato al Napoli fino al 30 giugno 2024) Così come è noto quanto Adl ci tenga al rispetto dei contratti. Il presidente mi è apparso anche indispettito dall’atteggiamento di chi, pur sapendo Giuntoli sotto contratto con il Napoli, non ha esitato a contattarlo. Al momento non sono previsti incontri tra i due su questo tema. E il presidente a giorni partirà per gli Stati Uniti.”

 

Impostazioni privacy