La Juventus è fuori dall’Europa League, si conclude nel peggiore dei modi una stagione difficile

Nella serata di ieri il Siviglia ha battuto 2-1 la Juventus dopo i tempi supplementari e si è qualificato alla finale di Europa League dove affronterà la Roma a Buadapest il 31 maggio.
Dopo il gol del vantaggio di Vlahovic, i bianconeri non sono riusciti a consolidare il proprio vantaggio e dopo pochi minuti hanno subito il gol del pareggio di Suso il gol di Lamela nel primo tempo supplementare.

Ancora una volta troppo rinunciatario l’atteggiamento degli uomini di Allegri che hanno subito la pressione del Siviglia per tutta la partita costringendo Szczesny agli straordinari in molte circostanze. I bianconeri però, nonostante l’atteggiamento passivo, non hanno sfruttato moltissime occasioni da gol come quella di Di Maria nel primo tempo e quelle di Chiesa nei due tempi supplementari. L’argentino e l’ex Fiorentina sono stati tra i peggiori in campo insieme a Cuadrado che è apparso in notevole difficoltà fisica nell’ultima stagione.

Juve, bisogna ricominciare da capo

Dopo la cocente eliminazione dall’Europa League, la Juventus ha concluso nel peggiore dei modi una delle stagioni più difficili per il club. Sia giocatori sia tifosi hanno vissuto un anno complicatissimo, non solo per i risultati in campo ma soprattutto per le vicende extra campo che ancora non hanno raggiunto un epilogo finale.

La Juventus nella prossima stagione dovrà necessariamente ricominciare il proprio percorso di crescita. Dopo due stagioni consecutive senza titoli c’è bisogno di un nuovo allenatore che dia un’identità alla squadra, in cui a salvarsi non sono in molti, ma anche di una nuova dirigenza che segua le indicazioni del tecnico per quanto riguarda le scelte di mercato.

Impostazioni privacy