Inchiesta Prisma, Cherubini rivela: “Più volte mi sono lamentato con Fabio Paratici”

Orami è passato più di un mese dal giorno in cui è iniziato il terremoto in casa Juve, con le dimissioni del tutto Cda e anche del presidente Andrea Agnelli in seguito alle contestazioni della Consob sul caso plusvalenze.

E così dopo 4576 giorni il presidente più vincente della storia bianconera con 9 scudetti di fila ha lasciato la presidenza della Juventus evidenti problemi sulle plusvalenze di calciatori molto giovani.

Federico Cherubini Juventus (Photo by Simone Arveda/Getty Images)

Cherubini: “Più volte mi sono lamentato con Paratici”

L’edizione odierna del Corriere della Sera ha pubblicato il verbale dell’audizione di Federico Cherubini in merito all’inchiesta che vede coinvolta la Juventus.

Di seguito le sue parole:
“Io più volte mi sono lamentato con Fabio Paratici che il valore che stavamo dando a quei giocatori non erano congrui. Le nostre strategie sono sempre all’interno dell’area sportiva. Agnelli, Nedved e il cda vedevano le plusvalenze quando venivano realizzate, ma non c’è mai stata un’indicazione in tal senso”.

Ecco le dichiarazioni sullo scambio Aké-Tongya:  “È la classica operazione che accende il faro perché si scambiano due giocatori giovani a un prezzo non basso”.

MICHELE D’ERRICO

Impostazioni privacy