La Juventus convince ma non vince: analisi di un pareggio che sta stretto

Dopo la deludente prestazione contro la Sampdoria, la Juventus era chiamata a reagire subito contro un avversario tutt’altro che facile, una Roma che vola sulle ali dell’entusiasmo.

Il campo era l’unico modo per rispondere alle numerose critiche arrivate in settimana e già dal primo minuto si era intuito quale fosse l’andazzo. Sono tre i cambi di formazione fatti da Allegri rispetto agli undici di Genova, tra cui spicca la chance data al giovane Miretti, autore di una partita sublime in mezzo al campo. Fiducia più che ripagata.

La Juventus ci mette solo un minuto per incanalare la partita sul binario giusto: è il solito Dusan Vlahovic a sbloccare la situazione grazie ad una perla su punizione. Da questo momento in poi la partita è in discesa. Intensità, grinta, voglia di dimostrare qualcosa. Un’altra squadra rispetto a quella scesa in campo lo scorso weekend. I bianconeri dominano tutto il primo tempo, trovando anche il gol del raddoppio con Locatelli, prontamente annullato da Irrati per fallo di mano dopo il richiamo del VAR. Tante palle gol ed un controllo totale del match non bastano, il primo tempo finisce con uno strettissimo 1-0.

Juventus Roma Analisi

Nonostante mille difficoltà e un gioco tutt’altro che indimenticabile, la Roma resta in partita e proprio quando meno te lo aspetti ecco che i giallorossi trovano il gol del pareggio con Abraham dagli sviluppi di palla inattiva.

Lo Stadium è gelato. Alla Juventus non basta il bel gioco per ritrovare il vantaggio. Il match termina in pareggio.

I passi in avanti però sono evidenti. Tanti sviluppi offensivi, un centrocampo che finalmente inizia a girare nel verso giusto ed un Vlahovic al centro del gioco bianconero. Le occasioni avute dai bianconeri sono state tante, fin troppe se valutiamo il risultato finale. Come ribadito anche da Mourinho stesso nel post partita, la Roma non ha disputato una grande partita ed è proprio per questo che il rammarico aumenta: la possibilità di chiudere la partita nel primo tempo c’è stata, ma è mancato un pizzico di concretezza sotto porta. Ecco la nota negativa della serata.

Il bilancio finale è comunque positivo. Ora testa già alla sfida contro lo Spezia, in cui la Juventus sarà chiamata a confermare la buona prestazione contro la Roma, sperando stavolta di riuscire a strappare i tre punti.

Impostazioni privacy