Sei qui: Home » News » Pallotta, frecciata alla Juve sulle plusvalenze: “Facevano dei giochini con il calciomercato”

Pallotta, frecciata alla Juve sulle plusvalenze: “Facevano dei giochini con il calciomercato”

L’ex presidente della Roma Pallotta ha parlato per SiriusFM, azienda statunitense, ed è tornato sui suoi trascorsi in Italia. Nello specifico, date le attuali indagini in corso sulla Juventus per le plusvalenze, ha parlato di calciomercato, non risparmiando qualche frecciata.

Pallotta ha dichiarato di aver sempre visto i bianconeri come la squadra migliore, ma che ora tutta la vicenda gli ha creato qualche dubbio. Secondo lui il club sarebbe reo di aver attuato “qualche giochino” con il calciomercato.

Pallotta, Juventus, plusvalenze

Queste le sue dichiarazioni:

“Pensavo che la Juventus fosse la squadra più forte degli ultimi nove anni, ma ora, quando guardi alle indagini in corso, inizio a metterlo in dubbio. Avevano il loro stadio e più del doppio dei nostri ricavi, ogni volta che avevamo un buon giocatore in rosa dovevamo preoccuparci se sarebbe arrivata la Juve a prenderselo. Lo hanno fatto con il Napoli, il Milan, lo hanno fatto con noi con Pjanic, e lo hanno appena fatto con la Fiorentina”.

Ma poi vedi le indagini in corso non sappiamo cosa ne verrà fuori, ma sembra chiaro che la Juventus potrebbe aver fatto qualche “giochino” con il calciomercato“.