Sei qui: Home » News » Haaland vicino alla Juventus? Svelati i retroscena

Haaland vicino alla Juventus? Svelati i retroscena

Qualche settimana fa, Beppe Marotta, rispondendo ad una domanda relativa ad un colpo mancato nella sua carriera, ha ammesso: “è stato Haaland, quando ero alla Juventus”. A distanza di giorni, l’agente Vincenzo Morabito, intermediario tra i bianconeri e il Molde si tempi della trattativa, è tornato sull’argomento e ha rilasciato le seguenti dichiarazioni a TuttoSport:

“Nei giorni scorsi, riguardando il mio archivio, ho ritrovato la mail del 3 novembre 2017 nella quale Cherubini, al tempo uomo mercato del vivaio, mi incaricò di mediare con il Molde. Si affidò a me consapevole delle mie conoscenze in Scandinavia e in particolare del mio rapporto privilegiato con Jim Solbakken e con Ole Gunnar Solskjaer, nel 2017-18 allenatore di Haaland nel Molde“.

Haaland

L’agente ha poi aggiunto: “Cherubini era molto deciso e convinto. Il giovanissimo Haaland era stato segnalato alla Juventus da Dodo Spinosi, il figlio di Luciano, ex giocatore bianconero e vice di Eriksson nella Lazio dello scudetto. Dodo Spinosi aveva un ottimo rapporto con un agente norvegese molto vicino al padre di Erling.

Cherubini andò in Norvegia diverse volte. E Haaland e il padre, nel dicembre 2017, furono ospitati a Torino qualche giorno per visitare il centro sportivo di Vinovo e assistere al derby d’Italia contro l’Inter. La famiglia e il ragazzo rimasero molto impressionati al punto che in pochissimo tempo arrivò l’ok per provare a intavolare una trattativa con il Molde“.

LEGGI ANCHE:  Zaniolo, la Juve valuta due opzioni: possibile scambio con la Roma

E sulle cifre Morabito ha aggiunto: “I dirigenti del Molde, seppur la Juventus in quel momento fosse l’unico top club ad aver fiutato il talento di Haaland, spararono una richiesta incredibile per un 17enne: 10 milioni! Però, visto che Haaland gradiva la destinazione bianconera, si dimostrarono disponibili a valutare una proposta più articolata. Cioè 2.5 milioni subito, comunque una cifra notevole per giovane che giocava in Norvegia, e il 50 per cento sulla futura rivendita“.