Sei qui: Home » News » Juve – Roma, perchè il rigore è stato battuto da Veretout? Mourinho svela tutto

Juve – Roma, perchè il rigore è stato battuto da Veretout? Mourinho svela tutto

L’allenatore della Roma José Mourinho ha parlato così ai microfoni di DAZN nel post partita:

PARTITA – “Oggi posso solo dire che è stata una grande Roma. L’ho già detto a tutti i miei ragazzi nello spogliatoio, perché anche se non abbiamo fatto punti abbiamo fatto bene in tutti gli aspetti. Bisogna fare i complimenti a tutti i giocatori e anche allo staff, anche se si tratta di una sconfitta. Secondo me la squadra che meritava di vincere ha perso, ma questo è il calcio”.

RIGORE – “Il rigore non lo voglio commentare perché non ho visto l’episodio e voglio cercare di isolarmi da ciò che è successo e concentrarmi su quello che ha fatto la squadra. Spero che tutte le parole sentite da parte della Juventus nello spogliatoio vengano fatte sentire”.

STADIUM – “Qui ho vinto qualche anno fa senza meritare, ma oggi invece abbiamo fatto un’ottima partita”.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato, tre nomi in lista per affiancare Vlahovic: le ultime

JUVE – “Sono venuti a farci i complimenti nello spogliatoio, non meritavamo di perdere”.

VERETOUT – “Abraham è un ragazzo coraggioso, aveva fiducia e ha trascinato la squadra quindi voleva tirare il rigore. Noi abbiamo Veretout come primo rigorista, con Pellegrini secondo e Abraham terzo. Hanno fatto entrambi una bella partita”.

PROFESSORI – “Quando giochi contro una squadra così con i due professori dietro non è mai semplice. Dovevamo fare un gol contro una squadra che si sente bene, ma non era facile. Faccio ancora i complimenti a tutti i miei”.

Bonucci, Chiellini, difesa

ABRAHAM – “Secondo me deve abituarsi al nostro campionato, noi abbiamo diversi posizionamenti tattici con palla, e senza palla lui e Pellegrini devono sapere i tempi e i movimenti da fare. In Inghilterra il 9 non si muove con la difesa ma rimane alto. Lui sta imparando anche la fase difensiva, è un bravo ragazzo e giovane e siamo felice di averlo”.