Sarri deluso: "Mancata la cattiveria ma Ronaldo doveva riposare"

Sarri deluso: “Mancata la cattiveria ma Ronaldo doveva riposare”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Maurizio Sarri ha parlato ai microfoni di Sky Sport alla fine della partita contro il Lecce, finita 1-1:

Higuain è in infermeria, metteranno dei punti e si vedrà se andrà in ospedale, è lucido e cosciente quindi penso tornerà subito a casa. Per quanto riguarda il finale di partita posso dire che dovevamo rimanere lucidi, abbiamo costruito molte palle gol, anche se c’è stata una mancanza di cattiveria da parte nostra. Non mi è piaciuta neanche la gestione del vantaggio, siamo stati troppo passivi. Io penso che un pizzico di leggerezza l’abbiamo avuta nel non concretizzare le molte occasioni avute, quindi siamo stati leggeri, non siamo stati superficiali.

Sull’esclusione di Ronaldo il mister ha dato la sua versione:

Cristiano si sentiva stanco mentalmente, quindi se fosse stato in panchina non avrebbe potuto recuperare energie mentali e nervose: doveva riposare e quindi è rimasto a casa.

Sarri ha poi parlato dei frequenti errori di De Ligt e della difesa in generale:

Il tocco di braccio di Matthijs è stato casuale, non aveva neanche il braccio largo ma purtroppo con le nuove regole è difficile per un difensore riuscire a evitare certe situazioni quando ti toccano la palla ad un metro e mezzo da te. Possiamo migliorare in difesa ma i gol sono sempre arrivati o su palle ferme o su rigore: su azione non concediamo nulla ma dobbiamo evitare certe situazioni in area.

Il mister si è espresso su Pjanic:

Non so come sta Miralem ma posso dirvi che il vice Pjanic è Bentancur: non ha la sua esperienza ma ci aiuterà.

Infine Sarri ha parlato del possibile sorpasso dell’Inter, dicendosi non preoccupato a causa delle tante partite che mancano alla fine del campionato.

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy