Alzatevi in piedi, applaudite!

Alzatevi in piedi, applaudite!


Con le lacrime agli occhi, l’anima che trema e il cuore pulsante: fate gli applausi a questa squadra.

Alzatevi in piedi. Rendete onore a questi ragazzi, al loro condottiero, che nelle ultime settimane hanno resistito feriti nel profondo dell’animo.

Un animo guerriero, protetto dalla corazza della Maglia più gloriosa della storia del calcio italiano.

Testa bassa, qualità da vendere e coglioni sbattuti in faccia a chi pensava di poter festeggiare su un leone tramortito.

Alzatevi in piedi. Siate fieri di essere juventini: se non fosse ancora chiaro, #finoallafine. Fino alla fine sarà.

Fate gli applausi a questa squadra. Fateli anche voi, gufi e critici, pronti a cantare il funerale della Signora.

Gufi e critici, stasera, si rinchiuderanno nelle loro umili tane, guardando impauriti il mostro di Madeira.

Alzatevi in piedi. Per Cristiano, che stasera ha dimostrato, una volta in più, di essere il più forte al mondo.

Doveva essere la sua notte: se l’è presa, sbranando il passato e scrivendo il futuro.

Alzatevi in piedi. Adesso ci siamo, adesso è l’ora: andiamoci a prendere la Storia, uniti e compatti.

Ci davano per morti: siamo tornati più forti di prima. Più forti che mai. Ad abbattere la spocchia di chi, nonostante il passato, conosce poco la Juventus.

A casa nostra comandiamo noi. E adesso iniziamo a fare sul serio.

Loading...