ReLIVE Conferenza stampa Allegri: "Non è l'anno della Champions"

ReLIVE Conferenza stampa Allegri: “Non è l’anno della Champions”


Moltissimi gli argomenti da trattare oggi: dalla prima giornata di campionato a Ronaldo, passando per l’incredibile rescissione del contratto di Marchisio. Tanti gli spunti che ha lasciato Massimiliano Allegri nella prima conferenza stampa precampionato; ecco cosa ha detto.

LIVE CONFERENZA STAMPA ALLEGRI

RONALDO

“Quest’anno riparte una Serie A interessante con tanti grandi giocatori, tra cui uno che abbiamo noi, ovvero Cristiano Ronaldo. Cristiano è molto incuriosito dal nuovo campionato, dai nuovi avversari e da come giocano. E’ un giocatore diverso dagli altri, lo dimostra la sua carriera e i suoi numeri. Mi ha fatto vedere grandi cose, è uno stimolo per gli altri. Non dobbiamo cadere nell’errore che vinciamo solo perché lo abbiamo in squadra, dev’essere un valore aggiunto. É un ragazzo semplice e si sta inserendo molto bene”.

MARCHISIO

Devo ringraziare Marchisio: in questi 4 anni un grande giocatore, uomo e professionista. Un esempio per tutti. È stata una decisione condivisa con lui“.

GENOVA

Decisione di non far giocare Genoa e Samp giusta. Giocheremo, come hanno deciso, domani nel rispetto e nella vicinanza dei colpiti dalla vicenda. In queste situazioni le parole sono superflue.

LA SQUADRA PIÙ FORTE?

“Domani riparte una stagione difficile. Abbiamo migliorato la rosa, prendendo il migliore del mondo, Cristiano e altri grandi giocatori. Anche le altre squadre però si sono rafforzate. Tutti ci daranno battaglia ancora di più. L’imperativo è il rispetto degli avversari, profilo basso e vincere. La prima di campionato è sempre un’incognita.  C’è tanto da fare e poco da parlare. Siamo la squadra più forte ma non basta. Serve passione voglia di lavorare e sacrificio per dimostrarlo sul campo. Questo non è l’anno della Champions League. É il mio quinto anno alla Juve, da quando sono qui tutti gli anni l’obiettivo è vincere tutti i trofei. Per il momento l’obiettivo numero uno in Champions è passare il gruppo. Le motivazioni fanno la differenza: senza le motivazioni giuste e la voglia di mettersi in discussione tutti i giorni non si arriva da nessuna parte. Anche quest’anno dev’esserci equilibrio, non basta la forza della rosa. Sono molto contento perché sono molto in sintonia con la società. La squadra è migliorata tanto, così come l’autostima in Europa.

COME GIOCHERÀ

“Sono molto curioso anch’io di vedere la squadra. Queste prime tre partite ci aiuteranno per capire come trovare l’equilibrio giusto. La squadra deve capire il momento. Non abbiamo la miglior condizione fisica perciò dobbiamo fare una partita ordinata e portare a casa i tre punti per partire bene. Abbiamo tanti giocatori con caratteristiche diverse. Anche quest’anno potremo giocare con vari sistemi di gioco. Cambieremo in base agli attaccanti in campo, e anche in base ai centrocampisti, potremo anche giocare a 3 dietro. Mandzukic e Matuidi sono già in ottime condizioni. Sono giocatori con un motore diverso e motivazioni diverse. Il mercato è chiuso. Kean rimane, se dovesse partire andrebbe solo all’estero. Chiellini? Un leader. Ne abbiamo tanti leader nello spogliatoio, è una nostra caratteristica e una caratteristica fondamentale nelle squadre vincenti”.

FORMAZIONE CONTRO IL CHIEVO

“Domani giocano Ronaldo, Szczesny, Chiellini e Pjanic. I due terzini saranno Cancelo e Alex Sandro. Bonucci è in buone condizioni e domani gioca. A centrocampo devo ancora decidere se giocare con 2 o 3 mediani”.

Loading...