Spagna, Del Bosque: "L'Italia di Conte è come la sua Juventus. A Morata manca continuità di rendimento"

Spagna, Del Bosque: “L’Italia di Conte è come la sua Juventus. A Morata manca continuità di rendimento”


Le coppe europee hanno smorzato gli entusiasmi: tutte fuori agli ottavi. Adesso è il turno della Nazionale, che contro SpagnaGermania cercherà di capire qual è il nostro reale valore e quali sono le prospettive per il prossimo europeo.

“L’Italia di Conte è come la sua Juventus – dichiara Vicente Del Bosque nel corso di un’intervista concessa a La Gazzetta dello Sport“A cominciare dalla capacità di adattarsi e cambiare pelle: può pressare ma anche ripiegarsi, aspettare e partire in contropiede con pochi tocchi e grande velocità. La struttura difensiva è quella della sua Juve e quella è la base di tutto. E sinceramente non vedo grandi differenze nemmeno con l’Italia di Prandelli. Siete scesi nel ranking ma la nazionale ha mantenuto l’essenza del calcio italiano. La settimana scorsa ho visto la Juve a Monaco e mi immagino un’Italia per molti aspetti vicina a quel modello: pressing, sforzo fisico, nessun complesso nel lasciare l’iniziativa agli avversari per far male ripartendo. Sì, l’Italia non ha trovato un attaccante di livello mondiale però resta una squadra difficile da affrontare. Non vedo uno stop nel calcio italiano. Continuo a considerare il vostro un calcio moderno e difficile per qualsiasi avversario. I grandi club europei cercano i vostri allenatori, solo un anno fa la Juventus è arrivata alla finale di Champions”.

morata spagna

Morata potrebbe essere uomo chiave nel prossimo europeo: “Dopo il Mondiale del 2014 abbiamo fatto la cernita degli attaccanti e in prospettiva abbiamo scelto Alcacer, Morata e Diego Costa. I primi due non hanno avuto grande regolarità nel gioco e sinceramente ciò che hanno fatto in questi due anni scarsi ci è parso relativo, ci aspettavamo di più. Non possiamo dare la colpa ai loro allenatori perché li hanno usati poco: se hanno deciso così è perché non stavano facendo bene. A Monaco Alvaro ha offerto una vera esibizione di forza e gioco e la cosa mi ha fatto particolarmente piacere. Però in questi mesi non è stato al suo livello, se non lo chiamavamo per le sfide con Italia e Romania nessuno poteva dirci nulla. Alvaro ha tutte le condizioni per essere il nostro attaccante centrale: forza fisica, capacità di giocare in spazi ampi o ristretti, è forte di testa, colpisce bene la palla, ha tante qualità. Però per qualche motivo non ha ancora trovato la regolarità necessaria e ripeto, non è colpa del suo allenatore: il giocatore ha le proprie responsabilità”.

Un problema di continuità per il numero 9 della Juventus: “Di sicuro è un bravo ragazzo, non è viziato, è umile, tranquillo, un chico normale, cosa importante. Gli manca continuità di rendimento. Speriamo la trovi sia con la Juventus che con noi. Il suo calcio non può essere tanto isolato, intermittente: durante le partite deve apparire di più”.

ULTIME NOTIZIE