Asamoah: la vittoria di chi sa attendere