La mitraglietta di Benatia e quei benpensanti troppo suscettibili