Emre Can: corsa, intelligenza e costanza alla corte di Allegri