Quantità e qualità, la Juve di Max