Una vergogna tutta italiana: che stiamo aspettando?