L'ipocrisia dei "Siamo tutti Anna" (che lo dimenticano presto)