Mario Mandzukic, o sul non sentire la fatica