Nazionale: orgoglio per il calciatore o limitazione per i club?