Perché sì e perché loro: Keita Baldé e Patrik Schick per una Juve nuova