Perdere la finale ovvero il cattivo gusto del caffè