"Siamo dei e ci muoviamo nello spazio profondo": l'eternità della BBC