L'uomo delle finali per sfatare il taboo Champions League