La differenza sta nel mezzo: ecco una delle chiavi della partita di Monaco