Spinazzola, tra la Dea e la Vecchia Signora