Champions, la Juve di Allegri come il Milan di Capello