Rugani o la semplicità di essere un fenomeno