La Juve 2.0 di Allegri: meno "contiana", meno possesso, ma molto più cinica