Allegri e la tentazione del tridente