Il "Carro del vincitore" e la coscienza critica