L'insoddisfatto cronico: il "tifoso" gobbo