Il gioco esterni e il Mario ritrovato: non tutti gli infortuni vengono per nuocere