Higuain, la solitudine del numero 9